.........

 

Marco Ferraiolo

 

clicca per ingrandire
Marco con la moglie Marika Gargano - Clicca sulla foto per ingrandirla

 

Marco Ferraiolo è nato a Salerno il 24 gennaio 1956.

Sposato dal 1987 con Marika Gargano è padre di Ottavia, 29 anni, e Mario, 25 anni, che portano il nome dei nonni.

Salernitano "autentico", Avvocato, Funzionario della Dogana di Salerno, sportivo vero. Ha sempre vissuto nel cuore di Salerno. Nel suo percorso scolastico ha frequentato dapprima le elementari "Giacinto Vicinanza", poi le medie "Pirro", si è diplomato al Liceo Scientifico "G. Da Procida", quindi si è laureato in Giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Salerno ed infine ha conseguito l'abilitazione alla professione di Avvocato che ha esercitato per alcuni anni.

Vincitore di un concorso a Funzionario di Dogana ha optato, abbandonando la libera professione, per la funzione pubblica. La prima sede di servizio è stata in Veneto, a Rovigo, ove è rimasto sei anni, quindi, prima di rientrare presso l'Ufficio delle Dogane di Salerno, ha prestato servizio per tre anni presso la Direzione Interregionale delle Dogane di Napoli.

Appartenente ad una delle famiglie della "vecchia borghesia" salernitana, Marco Ferraiolo è figlio di Mario Ferraiolo e Ottavia Dini. Il padre, dott. Mario Ferraiolo, è stato industriale del settore tabacchicolo e insieme al fratello, l'ing. Vittorio, era proprietario della S.L.A.I. S.p.A., una delle varie società nate dal graduale smembramento del colosso S.A.I.M. dello zio, l'Onorevole Carmine De Martino, del quale era fidato braccio destro. Il dott. Mario Ferraiolo, persona molto in vista nella Salerno dei decenni a cavallo dell'ultima guerra e degli anni di narrazione del libro, ha ricoperto svariate cariche tra le quali, per lunghi anni, quella di Vice-Presidente e Tesoriere dell'Associazione Industriali (oggi Confindustria). Ottavia Dini è invece l'ottava figlia del pioniere dell'industria molitoria e pastaia Pietro Dini che aveva i propri molini e pastifici a Fratte. Purtroppo l'improvvisa e precoce scomparsa a soli 56 anni, nel 1922, del padre Pietro Dini ha impedito a quell'industria di sopravvivere e dalle sue ceneri sono poi sorti i vari pastifici locali .

Marco Ferraiolo è il quinto di cinque figli: Gennaro, Anna Paola, Gabriella e Alessandra, sulle orme dei quali ha vissuto, da bambino, gli anni '60 e gran parte degli episodi narrati.

Grande importanza e influenza sulla vita di Marco Ferraiolo ha rivestito l'attività sportiva che ha caratterizzato gli anni '70 rendendolo autonomo e facendolo crescere in modo da cogliere in pieno tutte le sfumature della "sua" città, che negli anni è man mano cresciuta insieme a lui, passando dal periodo del boom economico a quello della contestazione giovanile e a quello delle prime crisi energetiche di fine secolo. Nuoto e pallanuoto a livello agonistico prima con la Rari Nantes Salerno e poi con la Vigor, vent'anni da arbitro di calcio, tennis, sci, l'incarico di allenatore di nuoto e pallanuoto in varie squadre salernitane, hanno dato non poche soddisfazioni. Oggi si concede ancora qualche partitella a calcio e calcetto con gli amici di sempre, delle immancabili e imperdibili sciate sulle Dolomiti, oltre all'imperdibile trekking estivo, passione che lo ha portato a scrivere una guida sulle passeggiate di Cortina d'Ampezzo, e, sulle orme della madre, in coppia con la moglie Marika, lunghe giocate e tornei di Bridge.

 

clicca per ingrandire
clicca per ingrandire
La moglie Marika con i figli Mario e Ottavia
I figli Ottavia e Mario
Clicca sulle fotografie per ingrandirle

 

.........